martedì 16 febbraio 2010

FONDIAMO IL PARTITO DELL’ODIO!

di Michelangelo La Rocca

Se fossi convito che sarebbe utile far nascere un nuovo partito in Italia, fonderei il partito dell’odio e ne assumerei la guida senza esitare un solo momento.
Io mi considero un campione dell’odio, dire che odio il mondo intero, infatti, è troppo….poco!
Io odio tutte ingiustizie e tutti coloro che le mettono in atto.
Odio le leggi ad personam e tutti coloro che le approvano, tutti coloro che ne beneficiano ed, ancora di più, tutti coloro che le elaborano e le approvano senza averne alcun diretto beneficio.
Non amo il razzismo in qualunque forma esso si manifesti e, soprattutto, tutti coloro che praticano il razzismo ed a loro volta sono ( o sono stati) vittime di una qualsiasi forma di razzismo.
Mi spingerei ad augurare a coloro che discriminano i loro simili per il colore della pelle di diventare daltonici!
Detesto la guerra, tutte le guerre e, ancora di più, coloro che le proclamano e le fanno combattere agli altri. Chi si adopera per far scoppiare le guerre dovrebbe avere il coraggio di combatterle in prima persona.
Quante vite umane, ad esempio, si sarebbero risparmiate se Bush e Saddam Hussein si fossero sfidati a duello fra loro due e, per una difficile, quasi impossibile, ma fortunata coincidenza, si fossero uccisi tutti e due nello stesso istante?
Odio i dittatori mediatici ed il loro asfissiante controllo dell’informazione che plagia gli animi degli uomini liberi e condanna tutti i comuni mortali ad essere i nuovi schiavi del terzo millennio.
Chi si rende colpevole di tale grave misfatto dovrebbe essere condannato ad ascoltare 365 giorni all’anno il telegiornale di…….. Emilio Fede!
Non amo lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo e, a maggior ragione e con maggiore forza, tutti coloro che, essendo stati a loro volta sfruttati, sono diventati sfruttatori senza cuore e senza scrupoli dei loro simili più deboli.
Detesto la mafia e tutte le sue varianti territoriali in Italia e nel mondo ed ancora di più detesto i mafiosi che si ammantano di antimafia.
Odio tutti gli inquinatori del nostro Pianeta che deturpano ed ammorbano i fiumi, i laghi, il mare, l’acqua, l’aria, la terra ed ogni altra risorsa naturale di vitale importanza per la sopravvivenza del nostro Pianeta e della nostra specie! Se un giorno Noè dovesse chiamare qualcuno di costoro sulla sua mitica Arca, farei di tutto per impedire loro di salire in modo che possano assaporare i frutti del loro dissennato operato!
Non amo coloro che si prodigano a fare la carità e nulla fanno, invece, affinché nessuno sia costretto a chiederla!
E’ un odio, il mio, che sa di indignazione, quell’indignazione sana, capace di far nascere qualcosa di buono, di onesto, di pulito, di giusto per il nostro futuro e, soprattutto, per quello dei nostri figli!

1 commento:

angelo ha detto...

angelo ha detto...
Condivido i sentimenti che esprimi perchè "vedo" i valori che li animano. Mi permetto di suggerire a te, ma in fondo per dirlo a me stesso, la necessità di andare oltre i sentimenti. Siamo in un momento tragico della storia e abbiamo bisogno di analizzare e ripercorrere con freddezza, oltre gli errori che forse abbiamo commesso, quale è la strategia spietata che la borghesia capitalista mondiale mette spudoratamente in atto. Attenzione!; solo qualche settimana fa sul maggiore quotidiano della borghesia capitalista italiana, sul "Corriere"del 25 gennaio 2010, lo scrittore Severino scriveva: “Se i ladri sono utili a salvare la vita della democrazia e del capitalismo - e la mafia è stata un anticomunismo doc , perché non farne degli alleati e servirsene?".
Forse dobbiamo affinare le nostre armi, respingere con forza il tentativo di deprimerci e ricominciare daccapo come in fondo ci ha insegnato Antonio Gramsci.
Angelo ficarra